Presto con Facebook, comunicazione pubblicitaria ancora più mirata

Facebook ha presentato il brevetto per una tecnologia che permetterà di calcolare la posizione futura di un utente in base ai dati già acquisiti dalla piattaforma. Una forma di predizione attiva anche quando l’utente è offline.

La tecnologia descritta nel brevetto calcolerebbe una “probabilità di transizione si basa almeno in parte sui dati di posizione registrati in precedenza associati a un numero di utenti che si trovavano nella posizione corrente”. Quindi questa tecnologia denominata Offline Trajectories utilizzerebbe non solo i dati del singolo utente, ma anche quelli di altri connessi per stimare la traiettoria degli spostamenti mentre il soggetto obiettivo è offline.

Al momento è in fase di sviluppo e si baserebbe su ipotesi di traiettorie stimate sullo storico dei luoghi precedentemente visitati dall’utente e dal calcolo probabilistico che quest’ultimo ritorni da quelle parti.

Facebook già oggi avvisa l’utente se ci sono amici nelle vicinanze o se nel raggio di alcuni chilometri sono in atto eventi che possano essere di suo interesse. La posizione dei profili, quindi, è già nota.

La base dati dalla quale partire per lo sviluppo di questa tecnologia quindi Facebook li ha già. Il social potrebbe avvisare alcuni negozi che verso la loro posizione è in arrivo parecchio traffico pedonale, o potrebbe migliorare il meccanismo di targeting degli annunci pubblicitari (fonte Wired.it)

Vuoi maggiori informazioni a riguardo?
accordi_commercialibagbellbenefitvouchercardcertificatecheckcommunication comunicare cross-2crossdatabasediamond eclipse facebook fax filter incentivare linkedin logo-footer PTCOMMUNICATION email concorsi_a_premiooperazioni_a_premio promuovere reportsmsspeakersupporttargettruck twitter geomarketingworld